Zolfo nei combustibili: in gazzetta il decreto d’attuazione della disciplina comunitaria

Da 7 Ottobre 2014Energia & Ambiente
stabilimenti industriali ambiente

Torniamo a parlare di tematiche ambientali qui sul nostro blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza, in particolar modo dello zolfo nei combustibili, e questa volta lo facciamo condividendo con tutti i lettori un aggiornamento normativo di sicuro interesse.

Con Decreto legislativo 16 luglio 2014 n.112 (pubblicato in GU n.186 del 12-8-2014) si da attuazione nel nostro ordinamento alla direttiva 2012/33/UE che modifica la direttiva 1999/32/CE relativa al tenore di zolfo dei combustibili per uso marino.

Il decreto modifica quindi il Codice Ambiente (art. 292 e 296 nel Titolo III –Combustibili – della Parte Quinta del Codice) imponendo un miglioramento nella qualità ed efficacia dei controlli (soggetti controllati e responsabilità dei controllori).

Inoltre, ricalcola (art. 292) i limiti del tenore di zolfo dei combustibili marittimi usati nelle acque territoriali (escluse quelle navi che utilizzano metodi di riduzione delle emissioni basati su sistemi a circuito chiuso o quando siano utilizzati combustibili o miscele previsti in alternativa ai combustibili per uso marittimo) fissando un limite relativo al tenore di zolfo pari al 3,50%”.

L’articolo 296 riguarda invece le procedure da seguire in caso di comunicazioni marittime dell’impossibilità di ottenere combustibile a norma, e in caso di violazioni degli obblighi relativi al tenore di zolfo dei combustibili.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta