Troppo costosa l’Energia in Italia

Energia

Il nuovo World Trilemma Energy Index 2018, report sulle prestazioni dei vari Paesi in materia di efficienza energetica, curato dal Consiglio Mondiale dell’Energia (World Energy Council), svela dei dati molto importanti circa la situazione dell’Energia: in particolare scende la sua posizione in classifica rispetto allo scorso anno.

Il rapporto è stato presentato mercoledì a Milano durante l’annuale World Energy Week, evento internazionale che riunisce ministri, accademici e manager del settore.

In particolare L’Italia perde quattro posizioni nella classifica delle sue prestazioni energetiche scendendo dal 16/o posto al 20/o, anche se conserva il rating migliore, la tripla AAA.

Ci si è interrogati circa le ragioni di tale e si è individuata una causa principale e molto incisiva della caduta in classifica: il costo dell’energia superiore ai concorrenti mondiali.

L’Italia, pur mantenendo la tripla AAA nelle tre dimensioni di sicurezza, equità e sostenibilità energetica, a causa dei prezzi dell’energia scende al 20/o posto, rispetto al sedicesimo dello scorso anno. Danimarca, Svizzera e Svezia mantengono le prime tre posizioni, la Slovenia entra nella top ten classificandosi al 6/o posto.

“L’Italia – si legge nel report – continua il suo percorso di rafforzamento della sostenibilità ambientale, riduce le emissioni di gas a effetto serra e migliora l’efficienza e la sicurezza energetica. A oggi le fonti energetiche rinnovabili coprono il 17,7% del consumo finale lordo di energia; l’intensità energetica del PIL è scesa del 4,9%, rispetto al 2013, ed è diminuita anche la dipendenza da fonti estere di approvvigionamento, tanto che le importazioni di energia (76,5%) sono scese di 6 punti percentuali rispetto al 2010”.

Lascia una risposta