Sostanze chimiche e Rifiuti pericolosi: dal 1 Giugno le regole del CLP

Da 8 Giugno 2015Energia & Ambiente
stabilimenti industriali ambiente

Dal 1 Giugno entra in vigore definitivamente il regolamento CLP che, dopo un periodo transitorio, abroga definitivamente la Direttiva 67/548/CEE del Consiglio, del 27 giugno 1967, (concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative) per la classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura delle sostanze pericolose. Ma le modifiche non si fermano alle sostanze chimiche: entrerà in vigore anche il nuovo elenco dei codici di identificazione dei rifiuti (Elenco Europeo dei Rifiuti) e la nuova codifica per le caratteristiche di pericolo.

Fino al 1° Giugno 2015 le sostanze chimiche dovevano essere classificate in conformità sia della direttiva 67/548/CEE sia del CLP. In deroga, per le miscele classificate, etichettate e imballate in conformità della direttiva 1999/45/CE e già immesse sul mercato prima del 1° Giugno 2015 non vale l’obbligo di essere rietichettate e reimballate in conformità CLP fino al 1° Giugno 2017.

Ferma restando questa deroga prevista per le miscele classificate, etichettate e imballate in conformità della direttiva 1999/45/CE e già immesse sul mercato prima del 1° giugno 2015, le sostanze chimiche, a partire da tale data vedranno invece applicate le disposizioni di classificazione ed etichettatura del CLP.

Sempre dal 1 Giugno 2015, il Regolamento (UE) n. 1357/2014 della Commissione del 18 Dicembre 2014 sostituisce l’allegato III della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, riportando le nuove “CARATTERISTICHE DI PERICOLO PER I RIFIUTI“.

Si tratta di una scadenza diversa ma sempre collegata con quella delle sostanze pericolose: L’allegato III della direttiva 2008/98/CE stabilisce che, ove pertinente, si applichino

– i valori limite di cui agli allegati II e III della direttiva 1999/45/CE (sulla classificazione, imballaggio ed etichettatura dei preparati pericolosi) del Parlamento europeo e del Consiglio, che verrà abrogata dal 1 Giugno 2015 e

– i criteri fissati nell’allegato VI della direttiva 67/548/CEE, che sarà anch’essa abrogata dal 1 Giugno 2015, per l’attribuzione delle caratteristiche di pericolo H 4irritante»), H 5nocivo»), H 6tossico» e «molto tossico»), H 7cancerogeno»), H 8corrosivo»), H 10tossico per la riproduzione»), H 11mutageno») e H 14ecotossico»).

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta