Gestori stabilimento Seveso: attivo il Sistema Comunicazione Notifiche

Da 18 aprile 2016Salute & Sicurezza
Sistema Comunicazione Notifiche

Il Ministero dell’Ambiente annuncia l’attivazione, a partire dal 15 aprile del l’applicativo web “SEVESO III.0Sistema Comunicazione Notifiche“, funzionale all’invio delle notifiche da parte dei gestori degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante.

Il Sistema Comunicazione Notifiche, realizzato da ISPRA, consentirà al gestore, di compilare on-line la notifica e di inviarla automaticamente ai destinatari, via posta elettronica certificata (PEC) e con firma digitale.

Il servizio è disponibile presso il seguente indirizzo: https://www.rischioindustriale.isprambiente.gov.it/inventario-notifiche/

A partire dal 1° giugno 2016, il servizio sarà avviato in via definitiva, pertanto costituirà il tramite esclusivo per la trasmissione delle notifiche di cui all’articolo 13 del D.lgs. 105/2015 da parte dei gestori degli stabilimenti. Di conseguenza non saranno considerati validi gli inoltri effettuati con altro mezzo.

A proposito degli Stabilimenti RiR, ricordiamo che una recente Nota VVF n.1834 del 12 febbraio 2016, ha inviato a tutte le Direzioni Regionali le indicazioni circa il Piano Nazionale delle ispezioni sui sistemi di gestione sicurezza negli stabilimenti a rischio incidente rilevante, per il triennio 2016-2018. La nota segue alla emanazione della Seveso III approvata con D.Lgs. n.105/2015 in base al quale, le ispezioni sui sistemi di gestione della sicurezza devono essere pianificate a livello centrale e programmate a livello territoriale, con un’articolazione diversa rispetto a quanto era stabilito nel previgente D.Lgs. 334/99.

In particolare, il D.Lgs 105/2015 ha affidato alla Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Protezione e la Sicurezza Ambientale (ISPRA), il compito di redigere un piano nazionale delle ispezioni riguardante tutti gli stabilimenti di soglia superiore siti nel territorio nazionale, e ai Comitati Tecnici Regionali (CTR), il compito di redigere, sulla base del piano nazionale, un programma annuale delle ispezioni ordinarie per tutti gli stabilimenti ubicati nel territorio di competenza, da comunicare al Ministero dell’Ambiente e per conoscenza a questa Direzione Centrale entro il 28 febbraio di ogni anno.

Continua a seguire il blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

 

Lascia una risposta