Salute e Sicurezza sul lavoro e PMI

Da 15 novembre 2018Salute & Sicurezza
salute e sicurezza sul lavoro

In merito agli investimenti sulla salute e la sicurezza sul lavoro, un recente studio ha dichiarato che tra i fattori in evidenza risaltano: la salvaguardia del benessere dei lavoratori (82%) e la conformità con leggi e normative; seguono anche le policy interne, la business continuity e la brand reputation.

I rischi invece attribuiti principalmente a macchinari e attrezzature (66%) e all’ambiente di lavoro (62%) che sono cresciuti di molto, ma ciò potrebbe essere dovuto anche a norme più restrittive in proposito utilizzate come paradigma..

Coincidono con l’implementazione di interventi in materia di sicurezza una maggiore capacità di compliance con leggi e normative e la riduzione degli infortuni, con il 55% delle aziende a indicare che i vantaggi delle azioni di mitigazione sono maggiori dei costi. Un dato che sale al 65% per le aziende dotate di un sistema di gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro certificato.

Per un’alta percentuale la SSL risulta, inoltre, strategica per il business, ancor più per le aziende certificate.

Diversa è, invece la situazione delle piccole aziende: tra queste, meno del 50% riferisce che i vantaggi superano i costi e che la SSL è rilevante per la strategia di business.

Pare insomma che le piccole aziende non stiano dedicando sufficiente attenzione alle problematiche per la Salute e Sicurezza sul Lavoro.

Pensiamo al potenziale di rischio che ciò rappresenta al momento che le PMI sono la dimensione aziendale predominante in molte aree geografiche.

Se gli investimenti principali delle PMI sono facilities e macchinari rinnovati, si dovrebbe pensare in un’ottica di investimento anche al behaviour-based safety, cioè l’incremento della sicurezza grazie a comportamenti più consapevoli. Per una PMI, affrontare un processo di certificazione è spesso il modo più semplice per migliorare la sicurezza sui luoghi di lavoro senza costi eccessivi.

 

Lascia una risposta