Rifiuti differenziati: cosa succede dopo la raccolta?

Rifiuti differenziati

E’ pensiero comune per tutti i cittadini che praticano la raccolta dei rifiuti in modo differenziato, che quest’ultima sia garantita già nel momento in cui dalle proprie case di parte con sacchetti diversi per ogni bidone destinato a rifiuti diversi.

Si crede, quindi, che un comportamento ligio porti in automatico ad una gestione dei rifiuti sostenibile, che trasformi gli stessi in risorse e minimizzi il danno ambientale.

 

Lo studio di Brandolini

 

A confutare, purtroppo, questa credenza sulla gestione virtuosa dei rifiuti differenziati è La ricerca di Filippo Brandolini Mater riportata durante la presentazione del rapporto annuale Comieco.

Secondo i dati:

«Circa il 20% dei rifiuti delle raccolte differenziate sono scarti la maggior parte dei quali (quasi il 90%) recuperabili come energia e per poco più del 10% da smaltire in discarica», spiega il vicepresidente di Utilitalia, ovvero la Federazione che riunisce le aziende attive nei servizi pubblici dell’acqua, dell’ambiente, dell’energia elettrica e del gas.

 

I dati quindi evidenziano che un quinto delle raccolte differenziate italiane avrebbe essere conferito altrove dai cittadini, è dunque già in partenza irriciclabile e deve essere gestito in altro modo rispetto all’avvio a riciclo: ovvero recupero energetico o discarica. Si tratta di errori che pesano molto a livello di sistema, sia dal punto di vista ambientale sia da quello economico e che finiscono per ricadere sui cittadini stessi, dato che per legge i costi di gestione dei rifiuti urbani devono essere integralmente coperti dalla Tari.

Sostiene Brandolini «L’attività di riciclo non si esaurisce con la sola fase della raccolta, ma necessita di un sistema impiantistico a valle che prepari il rifiuto per essere riciclato. In assenza di impianti si rischia di vanificare gli sforzi dei gestori nell’organizzare i servizi e dei cittadini nel praticare la raccolta differenziata».

Dunque impianti di selezione, di avvio al riciclo, ma anche di gestione degli scarti. Che naturalmente non sono solo le frazioni estranee contenute nelle nostre raccolte differenziate  Ciò che poi sfugge al senso comune è che anche l’economia circolare e il riciclo producono rifiuti: infatti in Italia le operazioni di risanamento e trattamento rifiuti rappresentano a loro volta una questione critica di smaltimento di rifiuti speciali.

Al proposito Brandolini ha ricordato le stime di Utilitalia per le quali, per raggiungere i target Ue al 2035 per i rifiuti urbani (65% di riciclo e non oltre il 10% di avvio in discarica, mentre in Italia ad oggi siamo rispettivamente a 49% e 22%), sono necessari impianti in grado di trattare oltre 3 milioni di tonnellate di rifiuti organici e impianti di recupero energetico per 2,5 milioni di tonnellate. Quali impianti e dove, di preciso?

 

Programma nazione rifiuti in Italia

 

A rispondere dopo decenni di tentennamenti, si spera, sarà il Programma nazionale rifiuti che l’Italia è chiamata a redigere attraverso il recepimento delle ultime direttive Ue sull’economia circolare.

Nel frattempo sappiamo già che per migliorare la gestione integrata dei rifiuti che produciamo è necessario rafforzare in primis gli step prioritari della gerarchia europea, ovvero prevenzione, riuso e riciclo. «Trattandosi di economia circolare non bastano target ambientali – conclude Brandolini – ma occorrono misure normative ed economiche per sostenere il valore delle materie prime seconde». In quest’ottica «è importante il sistema della responsabilità estesa del produttore, ma sono fondamentali anche incentivi per l’utilizzo delle materie prime seconde come il Green Public Procurement, o contenuti minimi obbligatori di materie prime seconde per la produzione di nuovi materiali o imballaggi».

Lascia una risposta