Pubblicati nuovi Interpelli in materia di sicurezza

Da 30 Luglio 2015Salute & Sicurezza
strutture sanitarie normativa antincendio

Il Ministero del Lavoro ha pubblicato cinque nuovi interpelli in materia di sicurezza: si tratta delle prime risposte fornite dalla Commissione interpelli su diversi aspetti legati alla normativa di sicurezza.

Ecco gli argomenti trattati:

Criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare.

La Federcoordinatori ha chiesto un chiarimento sull’art. 2 del DIM 04/03/2013: gli articoli 17, 26 e 96 sono riferiti ad obblighi riconducibili al Committente ovvero al Datore di lavoro per la redazione di documenti di sicurezza […], mentre l’art. 100 del Testo Unico fa riferimento al Piano dì Sicurezza e Coordinamento, redatto dal Coordinatore per la Sicurezza. In nessuna parte del decreto si fa però riferimento alla figura del Coordinatore per la Sicurezza se non nell’art. 100.

Secondo la Direzione Generale “il riferimento all’art. 100 del d.lgs. n. 81/2008 non appare inappropriato con le finalità del decreto in oggetto, anche se tra le figure elencate per l’applicazione dei criteri minimi non è espressamente menzionato il Coordinatore per la sicurezza”.

Art. 12, d.lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni – risposta al quesita relativo ai criteri di qualificazione del docente formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri chiede in particolare al Ministero del lavoro se “l’Ingegnere che si occupa professionalmente dei temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” può “svolgere, in base al proprio titolo di studio e professionale, il ruolo di formatore in tutte le aree tematiche previste, eventualmente integrando, nei casi in cui non risultino altrimenti verificati i prerequisiti in tal senso, la propria preparazione in termini di competenze sulla didattica con un corso formativo della durata minima di 24 ore e sviluppato secondo le modalità di cui all’allegato”.

Secondo la Commissione il decreto 6 Marzo 2013 impone a ciascun docente dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza, per datore di lavoro che intenda svolgere il ruolo di Responsabile del servizio di prevenzione e protezione, per lavoratori, dirigenti e preposti, di essere in grado di documentare il possesso di uno dei sei criteri di cui al decreto.

Pertanto, chi intende svolgere corsi di formazione in tutte le aree del decreto 6/3/2013, dovrà documentare il possesso di almeno uno dei criteri in relazione a ognuna delle tre aree.

Art. 12, d.lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni – risposta al quesito relativo all’art. 96 del d.lgs. n. 81/2000.

Le imprese familiari che operino in un cantiere temporaneo e mobile hanno obblighi documentali? Chiede la Federazione Nazionale UGL Sanità.

Secondo la Commissione se le attività familiari operano all’interno di un cantiere temporaneo e mobile (art. 89. comma 1. lett. a), del d.lgs. 81/2008) devono redigere il Piano Operativo di Sicurezza ma il Piano deve riportare lutti i punti dell’allegato XV ad eccezione dei punti i cui obblighi non trovano applicazione e cita ad esempio che “nei POS delle imprese familiari non potrà essere indicata la figura del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, i nominativi degli addetti al primo soccorso, ecc.”

Criteri di qualificazione del docente formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Ance chiede informazioni sulla formazione integrativa da realizzare nel caso in cui un lavoratore formato per svolgere una determinata attività, venga adibito allo svolgimento di particolari mansioni, che costituiscono compiti o attività specifiche ricompresi nell’attività principale per la quale è stato formato anche in base alla classificazione Istat-IsfoL e che costituiscono compiti o attività specifiche ricompresi nell’attività principale per la quale è stata erogata la formazione stessa.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta