Modifiche al Testo Unico di Sicurezza: entra in vigore il GHS

Da 21 aprile 2016Salute & Sicurezza
Modifiche al Testo Unico di Sicurezza

Oggi, il  blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente ed alla Sicurezza, si occupa delle modifiche al Testo Unico di Sicurezza che con Decreto legislativo 15 febbraio 2016, n. 39 (in GU n.61 del 14-3-2016)  vuole dare attuazione alla direttiva europea 2014/27/UE sulla classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele. Inoltre, si apporta modifiche al Testo Unico di Sicurezza (D.Lgs. n.81/2008) per adeguare la nostra normativa alla Direttiva che a sua volta adegua l’ordinamento UE al Regolamento GHS, che ha dato attuazione al sistema di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche delle Nazioni Unite.

Nello specifico l’indicazione, sulle etichette, di qualsiasi potenziale effetto nocivo delle sostanze chimiche è fra gli obiettivi del Regolamento GHS e pertanto, le imprese sono chiamate a classificare, etichettare e imballare le sostanze e le miscele secondo le nuove regole.  Tutto ciò a tutela di lavoratori, consumatori e ambiente attraverso l’indicazione, sulle etichette, di qualsiasi potenziale effetto nocivo delle sostanze chimiche, quindi  le imprese sono chiamate a classificare, etichettare e imballare le sostanze e le miscele secondo le nuove regole.

Per quanto riguarda le modifiche al Testo Unico di Sicurezza, queste prevedono la sostituzione della parola “preparati pericolosi» con «miscele pericolose» e «preparati chimici» con «miscele chimiche» . Inoltre, nell’allegato XXVI (Prescrizioni per la segnaletica dei contenitori e delle tubazioni) viene completamente sostituita la sezione 1 e alla sezione 5 (vedi l’approfondimento completo su InSic.it) in modo da specificare, in maniera adeguata la pericolosità di determinate sostanze.

Quanto alla Cartellonistica, viene soppresso il riferimento al cartello di avvertimento «Sostanze nocive o irritanti», mentre viene aggiunta la nota collegata al segnale di avvertimento «Pericolo generico» per chiarire ancor meglio il pericolo.

Continua a seguire il blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta