MOCA: materiali e oggetti a contatto con gli alimenti

Da 19 novembre 2018Salute & Sicurezza
MOCA

Tutti i materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti prendono il nome di MOCA. La legge dell’Unione Europa prevede regole vincolanti che gli operatori economici devono rispettare. Il Regolamento (CE) n. 1935/2004 (norma quadro) stabilisce i requisiti generali cui devono rispondere tutti i materiali ed oggetti in questione. In questo Regolamento si stabilisce che nella loro produzione, come per gli alimenti, bisogna seguire buone pratiche di fabbricazione.

Un’integrazione fondamentale al Regolamento 1935/2004 è il Regolamento 450/2009 “concernente i materiali attivi e intelligenti destinati a venire a contatto con gli alimenti”. Questa norma disciplina invece i requisiti per l’immissione sul mercato di tutti quei materiali che rilasciano componenti utili durante la conservazione dell’alimento.

L’impresa che fornisce un componente destinato all’industria alimentare, purché destinato ad entrare in contatto con l’alimento, è obbligata a fornire apposita dichiarazione di conformità del materiale utilizzato, e cioè idoneo al contatto con il prodotto alimentare. Le normative sui MOCA prevedono infatti che tali prodotti vengano sottoposti a test specifici per valutare l’eventuale cessione di sostanze indesiderate negli alimenti.

Se il MOCA è venduto come prodotto finito non ancora a contatto con un alimento deve riportare il simbolo di idoneità a contatto con gli alimenti (bicchiere e forchetta) o la dicitura “per contatto con i prodotti alimentari”. Il simbolo o la dicitura “per alimenti” attestano l’idoneità del materiale al contatto alimentare ovvero la sua realizzazione a partire da materiali consentiti.

Lascia una risposta