Una carriera favorita dal Master Quality dopo la laurea in scienze biologiche

Da 11 Novembre 2019Testimonianze
Marina Tranchese

Marina Tranchese, laureata in scienze biologiche, ha trent’anni ed ha frequentato il Master Quality nel 2016.

Dopo lo stage, che è stato attivato seguendo le sue preferenze territoriali in Campania, il suo profilo è stato molto apprezzato: infatti è stata confermata a seguito dei sei mesi di tirocinio, occupandosi di sistemi di gestione.

Nell’ intervista ci racconta come è andato il seguito della sua carriera.

Al termine del Master ho iniziato a svolgere il periodo di stage in una società di consulenza a Napoli, dove sono rimasta per un anno e mezzo. Qui mi sono occupata di sistemi di gestione della qualità, in particolare ISO 9001:2015 ed ISO 13485:2016 per i dispositivi medici. Poi sono passata in una società di consulenza, più incentrata nel mondo del Pharma, secondo le mie attitudini e ho seguito da consulente importanti aziende del settore, tra cui alcune del gruppo Petrone. Attualmente mi occupo di Affari Regolatori per un’azienda che importa farmaci dall’Unione Europea. Credo che il Master sia uno strumento unico per entrare nelle dinamiche aziendali, per comprenderne la struttura, i ruoli e le responsabilità di ciascuna funzione, i processi che le legano. Il Master è un momento di crescita professionale che dà le basi per entrare nel mondo lavorativo, poi, ognuno deve decidere che tipo di strada prendere ed in questo il supporto che ci date è enorme.  

2) Qual è la sua attuale posizione lavorativa?

Attualmente, come dicevo, gestisco gli affari regolatori di farmaci di importazione nella PhShop s.r.l., azienda fortemente in crescita nel settore dell’import.

3) Quali caratteristiche personali crede siano state vincenti a fronte del suo successivo inserimento lavorativo?

All’inizio è stata molto difficile, partire dalla consulenza vuol dire dover sacrificarsi molto di più rispetto a chi viene inserito in un’azienda: in consulenza il lavoro lo si costruisce da soli, non ci sono procedure, si creano procedure ai clienti, si impara molto ed in fretta. Ci vuole tanta forza di volontà e determinazione. Questo mi ha aiutata, è stata come una palestra, devi allenarti tanto per ottenere risultati ed io da buona sportiva ho cercato sempre di portare a casa gli obiettivi.

4) Quali sono i suoi obiettivi professionali?

Attualmente ricopro un ruolo che mi piace molto, in linea sia con i miei studi scientifici che con le mie personali ambizioni e miro a mantenerlo ed a crescere nel settore. La PhShop è un’oasi felice qui al sud e i miei responsabili sono giovani e in gamba, ho profonda stima delle persone con cui lavoro. Vogliamo portare l’azienda ad affermarsi sempre di più, i risultati dell’ultimo anno sono molto promettentiho iniziato a svolgere il periodo di stage in una società di consulenza a Napoli, dove sono rimasta per un anno e mezzo. Qui mi sono occupata di sistemi di gestione della qualità, in particolare ISO 9001:2015 ed ISO 13485:2016 per i dispositivi medici. Poi sono passata in una società di consulenza, più incentrata nel mondo del Pharma, secondo le mie attitudini e ho seguito da consulente importanti aziende del settore, tra cui alcune del gruppo Petrone. Attualmente mi occupo di Affari Regolatori per un’azienda che importa farmaci dall’Unione Europea. Credo che il Master sia uno strumento unico per entrare nelle dinamiche aziendali, per comprenderne la struttura, i ruoli e le responsabilità di ciascuna funzione, i processi che le legano. Il Master è un momento di crescita professionale che dà le basi per entrare nel mondo lavorativo, poi, ognuno deve decidere che tipo di strada prendere ed in questo il supporto che ci date è enorme.  

Un forte augurio a Marina per il suo futuro affinché possa sempre più cogliere i frutti della formazione professionale ricevuta!

 

Lascia una risposta