Con l’utilizzo delle rinnovabili al 100% si risparmierebbero 6500 euro a testa

Da 13 Settembre 2017Energia & Ambiente
rinnovabili

Se in Italia tutto venisse alimentato dalle energie rinnovabili ci sarebbe un risparmio di 6500 euro a persona. Inoltre si ridurrebbero le morti premature per inquinamento e ci sarebbe anche la creazione di moltissimi posti di lavoro.

Lo studio è stato portato avanti da 27 ricercatori delle Università di Stanford, Berkeley, Berlino e Aarhus pubblicato nell’ultimo numero della rivista scientifica Joule. Si analizza la possibile evoluzione del sistema energetico di 139 Paesi sulla base della domanda dei settori trasporti, riscaldamento/raffrescamento, industria, agricoltura, foreste e pesca, giungendo alla conclusione che lo scenario tutto rinnovabili “Wws” (wind, water and sunlight) è raggiungibile all’80% già nel 2030 e al 100% nel 2050.

Con un sistema alimentato integralmente da vento, acqua e sole la domanda energetica scenderebbe del 42,5% grazie al maggior tasso di elettrificazione alle attività di estrazione, trasporto e raffinazione evitate e alla più alta efficienza negli usi finali, con benefici di costi, dell’occupazione e della salute. Un mondo pienamente rinnovabile permetterebbe di creare 24,3 milioni di posti di lavoro permanenti aggiuntivi e di evitare la morte prematura di 3,5 milioni di persone al 2050. Quello che emerge per il nostro Paese è ovviamente in linea con i risulti generali: raggiungere l’obiettivo 100% rinnovabili è possibile ed economicamente conveniente. In termini economici si avrebbe un risparmio sui costi dell’inquinamento di 22.800 miliardi di dollari all’anno e climatici di 28.500 miliardi di dollari all’anno.

Lascia una risposta