Lo smog nelle principali città italiane

Da 12 Dicembre 2016Energia & Ambiente
lo smog

L’alta pressione degli ultimi giorni ha spinto verso l’alto il livello di smog nell’aria. Sono molteplici le città italiane fuorilegge per i livelli di smog. I limiti delle polveri sottili sono stati superati ormai da giorni, intrappolando le principali città italiane in una cappa di smog. La legge italiana permette 35 giorni di sforamento all’anno con una concentrazione superiore ai 50 microgrammi per metro cubo.

L’indagine di Legambiente del 6 Dicembre 2016 ci dice che Torino ha avuto ben 62 giorni di sforamento, Frosinone 59 giorni, Venezia 53, Milano 52 e Padova 50. A Torino il Comune ha invitato con un tweet i cittadini ad utilizzare i mezzi pubblici in alternativa all’automobile privata visto il superamento dei livelli di polveri sottili nell’aria. L’Arpa Lombardia invece ha riferito che il livello di smog consentito è stato superato in gran parte delle città lombarde, con Monza maglia nera dal momento che le centraline Arpa hanno registrato quota 92. Anche nella Capitale il livello di smog è molto elevato: a Roma infatti a causa dei riscaldamenti in funzione ovunque in città e all’assenza di vento, le polveri sottili sono aumentate ben oltre la soglia consentita e per 11 giorni consecutivi si sono registrati livelli oltre il consentito.

Sono partiti i primi provvedimenti di blocco del traffico per far diminuire i livelli di smog davvero troppo elevati in città. Inaugurata la stagione delle domeniche “ecologiche” senza traffico. Numerose le iniziative proposte da Legambiente Lazio su Via dei Fori Imperiali, tra le quali noleggio di bici elettriche per visitare il centro di Roma e giochi per bambini con coloreria per strada e palloncini. Seguiranno altre tre domeniche ecologiche nei prossimi mesi ovvero il 22 Gennaio, il 26 Febbraio e il 26 Marzo 2017. Lo smog resta il principale fattore ambientale di rischio per la salute umana: abbassa la qualità della vita e si stima sia causa di 467 mila morti premature l’anno.

Lascia una risposta