L’inquinamento riduce la felicità dell’uomo

Da 29 Gennaio 2019Energia & Ambiente
inquinamento

Un nuovo studio portato avanti dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology ( MIT ) in collaborazione con quelli dell’Università di Pechino che hanno utilizzato i dati sull’inquinamento di 144 città cinesi ha evidenziato come l’inquinamento abbia effetti anche sulla felicità dell’uomo oltre che sulla salute. Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour. L’inquinamento dunque non influirebbe unicamente sul nostro stato di salute fisica, ma anche sul nostro umore e sulla nostra felicità.

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology hanno trovato una correlazione significativamente negativa tra la quantità di particolato presente nell’aria e i livelli di felicità espressi dalle persone attraverso le loro iterazioni sul popolare social media cinese. Le donne sono sembrate più sensibili a questa associazione rispetto agli uomini.

Lo smog atmosferico è dannoso per l’apparato respiratorio e cardiocircolatorio oltre ad esser collegato a una maggiore incidenza di tumori. Ma quello che pochi sanno, spiegano i ricercatori del MIT, è che ha anche un costo emotivo e un impatto sulla vita sociale e sul comportamento.

L’inquinamento da traffico è causa soprattutto di problemi respiratori e tra questi stiamo assistendo infatti ad un costante incremento di forme di asma e riniti allergiche. Oltre allo smog, però, bisogna tener presente che esiste anche un inquinamento indoor, all’interno di casa, scuola e ufficio. Meno smog, più felicità”, dunque.

Lascia una risposta