Legge di Stabilità 2014: le novità per la tutela ambientale e la sicurezza

Da 27 febbraio 2014Energia & Ambiente
legge di stabilità 2014

Ancora una volta il blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente ed alla Sicurezza torna ad occuparsi di tematiche ambientali e di sicurezza sui luoghi di lavoro grazie alla pubblicazione di un interessantissimo articolo dedicato alle novità di settore contenute all’interno della Legge di Stabilità 2014. Scorriamole pure insieme

La Legge di Stabilità 2014 (L. 27 dicembre 2013, n. 147 – Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato) prevede risorse per il settore ambientale, con riguardo, in particolare alle bonifiche ambientali.

Una dotazione aggiuntiva del Fondo per lo sviluppo e la coesione determinata, per il periodo di programmazione 2014-2020, di 54.810 milioni è destinata a sostenere esclusivamente interventi per lo sviluppo, anche dinatura ambientale: 50 milioni per l’anno 2014, 500 milioni per l’anno 2015, 1.000 milioni per l’anno 2016.

Una parte delle risorse sarà destinata al finanziamento degli interventi di messa in sicurezza del territorio, di bonifica di siti d’interesse nazionale e di altri interventi in materia di politiche ambientali.

Il comma di riferimento è il 111 e stanzia risorse per il contrasto al dissesto idrogeologico nel limite massimo di 600 milioni di euro, 130 milioni di euro e 674,7 milioni di euro, devono essere utilizzate per i progetti immediatamente cantierabili, prioritariamente destinandole agli interventi integrati finalizzati alla riduzione del rischio, alla tutela e al recupero degli ecosistemi e della biodiversità.

Il comma 112 prescrive per il Ministero dell’Ambiente una dotazione di 10 milioni di euro per l’esercizio 2014, di 30 milioni di euro per l’esercizio 2015 e di 50 milioni di euro per l’esercizio 2016, al fine di finanziare un piano straordinario di tutela e gestione della risorsa idrica, finalizzato prioritariamente a potenziare la capacità di depurazione dei reflui urbani.

Inoltre, (comma 113), nello stato di previsione del Ministero dell’Ambiente è istituito un apposito fondo con una dotazione di 30 milioni di euro per ciascuno degli esercizi 2014 e 2015, per il finanziamento di un piano straordinario di bonifica delle discariche abusive individuate dalle competenti autorità statali in relazione alla procedura di infrazione comunitaria n. 2003/2007.

Per quanto riguarda il comparto sicurezza, stabilito il nuovo importo per premi e contributi, da regolare con un decreto congiunto (ancora da emanarsi) del Ministero del Lavoro – Ministero dell’Economia con riduzione percentuale dell’importo dei premi e contributi dovuti per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, da applicare per tutte le tipologie di premi e contributi oggetto di riduzione, nel limite complessivo di un importo pari a:

  • 1.000 milioni di euro per l’anno 2014,
  • 1.100 milioni di euro per l’anno 2015
  • 1.200 milioni di euro a decorrere dall’anno 2016.

In seguito, la circolare 4/2014, INAIL ha chiarito le disposizioni della Legge di Stabilità, art. 129 e 130 sulle Indennità dovute dall’INAIL a titolo di recupero del valore dell’indennizzo del danno biologico: previsto un ulteriore aumento in via straordinaria degli importi delle indennità, di non oltre il 50% della variazione dei prezzi al consumo per le famiglie di impiegati ed operai accertati dall’Istat intervenuta negli anni dal 2000 al 2013 e comunque per un importo massimo di spesa annua di 50 milioni di euro a decorrere dall’anno 2014.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente ed alla Sicurezza

Lascia una risposta