Intervista alla Dr.ssa Enza Anna Farina docente Master Quality

Da 24 Novembre 2017Interviste
Enza Farina

Enza Anna Farina é formatore, consulente senior, progettista e Lead Auditor di Sistemi di Gestione per la Qualità e per l’Ambiente. Svolge audit ambientali di parte terza per importanti Organismi di Certificazione, ha lavorato da sempre a stretto contatto con ANGQ, l’Associazione Nazionale Garanzia della Qualità, ed oggi con ANGQ Sistemi.

Dr.ssa Farina, Lei è un esempio di come il Master Quality di UNINFORM – ANGQ può aprire importanti e stimolanti sbocchi professionali. Infatti è stata da principio partecipante del Master Quality nel 2001, poi grazie allo stage e alla successiva assunzione in ANGQ, ha potuto approfondire l’applicazione delle metodologie apprese in importanti aziende e anche nella Pubblica Amministrazione. Oggi, oltre ad essere un affermato professionista nel settore, è progettista e docente di riferimento del Master Quality per tutti gli aspetti ambientali. Ci può rappresentare questa evoluzione?

Certo, è proprio grazie alla partecipazione al Master Quality, che è iniziato il mio percorso professionale. Ho avuto così l’opportunità di collaborare in ANGQ, la quale mi ha consentito di affiancare professionisti affermati nel settore della sostenibilità e della gestione ambientale, svolgendo diverse e molteplici esperienze lavorative. Oggi, grazie alla formazione ricevuta dal Master Quality e all’esperienza maturata in ANGQ, ho arricchito ulteriormente il mio bagaglio di conoscenze e competenze, consentendomi di svolgere i miei attuali incarichi professionali.

E’ stata prima discente, poi docente ed oggi anche progettista del Master Quality, ne ha una visione molto completa, quindi ci dica quanto è cambiato nel tempo il Master? Ritiene siano cambiati gli sbocchi professionali per chi lo segue oggi rispetto a ieri?

Sì, il Master è sicuramente cambiato rispetto a quando sono stata discente nel 2001! L’evoluzione del quadro normativo di riferimento dei Sistemi di Gestione Ambientale è profondamente cambiato, basti pensare all’ultima revisione della norma ISO 14001:2015 e al Testo Unico Ambientale, di conseguenza anche la struttura del Master si è adeguata nel tempo. Sono state introdotti nuovi argomenti quali ad esempio i moderni concetti inerenti lo Sviluppo Sostenibile, i Sistemi di Gestione dell’Energia, la Gestione dei Rifiuti ed altri.
Seguendo la scia dell’innovazione e analizzando le richieste del mercato del lavoro, che sempre più spesso richiede figure professionali certificate, recentemente è stato revisionata l’intera struttura del master per introdurre il corso Lead Auditor Ambientale qualificato da CEPAS ed è stato sviluppato il modulo aggiuntivo Green Advanced, sui temi dell’Efficienza Energetica e della Sicurezza Alimentare, consentendo al partecipante ulteriori sbocchi professionali.

Per concludere, facendo esperienza dal suo percorso professionale, quali sono i principali aspetti su cui un partecipante dovrebbe puntare per avere successo nel settore ambientale.

Certamente il Master Quality rappresenta il “trampolino di lancio”, a questo bisogna aggiungere passione e impegno, oltre ad un continuo aggiornamento professionale. Così come il Master ha saputo adeguarsi alle nuove richieste e aspettative del mercato, un professionista, oggi, deve essere in grado di sapere cogliere tempestivamente le evoluzioni del mercato.

Lascia una risposta