Illuminazione posti di lavoro in esterno: la norma UNI presto in Italiano

Da 8 Agosto 2014Salute & Sicurezza
norma uni

Si torna a parlare di sicurezza sui luoghi di lavoro qui sul nostro blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza e questa volta, grazia alla Norma UNI,  lo facciamo privilegiando una prospettiva spesso molto trascurata negli ambienti di lavoro tradizionale, l’adeguatezza dell’illuminazione.

Nel Marzo 2014 è entrata in vigore la norma UNI NI EN 12464-2:2014Luce e illuminazione – Illuminazione dei posti di lavoro – Parte 2: Posti di lavoro in esterno”, versione ufficiale in lingua inglese che specifica i requisiti illuminotecnici per i posti di lavoro in esterno che soddisfano le esigenze di comfort visivo e prestazionali.

Si fa riferimento a tutti i compiti visivi abituali, ma non specifica i requisiti di illuminazione ai fini della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambito del lavoro e non è stata elaborata con lo scopo specifico di soddisfare l’articolo 153 del trattato CE, anche se i requisiti di illuminazionespecificati dalla norma, di solito rispondono alle esigenze di sicurezza richieste dalla legislazione nazionale degli Stati membri.

UNI ha annunciato che presto sarà disponibile la traduzione in italiano

Per quanto riguarda i criteri di progettazione illuminotecnica, la definizione dell’ambiente luminoso deve soddisfare tre fondamentali esigenze: il comfort visivo, la prestazione visiva e la sicurezza. L’ambiente luminoso è caratterizzato dalla distribuzione delle luminanze, dall’illuminamento, dall’abbagliamento, dalla direzionalità della luce, dalla resa dei colori, dal colore apparente della luce e dallo sfarfallamento.

Ulteriori parametri ergonomici che possono influenzare la prestazione visiva sono: le proprietà intrinseche del compito (dimensione, forma, posizione, colore e proprietà di riflessione di oggetto e sfondo), la capacità oftalmica delle persone (acuità visiva, percezione della profondità e del colore), il miglioramento intenzionale dell’ambiente luminoso progettato.

Continua a seguire il blog Uninform ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta