Il legno sarà il materiale del futuro

Secondo molti architetti e ingegneri il materiale del futuro per le costruzioni sarà il legno. Alcuni degli studi d’architettura più all’avanguardia stanno promuovendo ad ogni latitudine progetti di grattacieli realizzati in legno. Negli ultimi anni dominati dalla crisi del settore immobiliare e delle costruzioni, l’edilizia in legno ha conosciuto un vero e proprio boom.

Gli edifici in legno stanno catturando l’immaginazione di architetti, ingegneri e costruttori. La compagnia giapponese Sumitomo Forestry Co Ltd ha intenzione di costruire l’edificio più alto al mondo in legno (350 metri). Si tratta di un ibrido tra acciaio e legno ma il materiale sostenibile toccherà il 90 per cento. Il W350 vedrà la luce nel 2041 e raggiungerà il record di ben 70 piani per 350 metri di altezza.  L’impresa giapponese costerà circa 4,5 miliardi di euro, quasi il doppio delle risorse impiegate per la realizzazione di un grattacielo “tradizionale”.

Le facciate saranno caratterizzate da terrazzamenti alberati in pieno stile Bosco verticale, l’edificio milanese a firma Stefano Boeri.

Nel 2010 il governo giapponese ha approvato una legge che obbliga gli edifici pubblici con più di tre piani ad integrare il legno nelle costruzioni.

La costruzione del W350 polverizzerà gli attuali record detenuti da altri edifici in legno nel mondo. Il Brock Commons building, 18 piani per 53 metri, ad oggi rende Vancouver la sede del più alto palazzo realizzato con questo materiale.

L’obiettivo è creare città sempre più sostenibili, trasformate in foreste grazie all’utilizzo del legno per i grattacieli. Il caso giapponese è un primo esempio di quello che potrebbe diventare un cambiamento rivoluzionario nell’industria delle costruzioni. La riscoperta del legno deriva dal desiderio sempre più diffuso tra i costruttori di dar vita a progetti più economici e più facili da realizzare. Grazie alle sue caratteristiche “verdi”, il legno batte tanto l’acciaio quanto il cemento su numerosi fronti, tra cui il ridotto impatto ambientale.

Lascia una risposta