“Hunting Pollution”: opera d’arte anti-smog

Hunting pollution

E’ stato inaugurato lo scorso 26 ottobre a Roma “Hunting Pollution”, il più grande murales Green d’Europa.

Nato con l’obiettivo di sensibilizzare sui temi della sostenibilità ambientale, attraverso il linguaggio dell’arte, tale progetto è stato promosso dall’ imprenditrice Veronica De Angelis, e rappresenta la più grande opera di street art rigenerativa urbana d’Europa.

Si tratta di mille metri quadri dipinti e interamente realizzati con Airlite, una tecnologia che si applica come una semplice pittura ecosostenibile al 100%, che con l’azione della luce sia naturale che artificiale elimina agenti inquinanti come gli ossidi di azoto, benzene, formaldeide.

Questa innovativa pittura naturale trasforma, quindi, ogni parete in un depuratore d’aria naturale che mangerà le polveri inquinanti: per dare un’idea, 12 metri quadrati eliminano l’inquinamento prodotto da una autovettura in un giorno e  l’opera d’arte intera farà lo stesso lavoro che fanno 20 alberi in un bosco. Non è un caso infatti che Hunting Pollution sorga a Roma, nello specifico in via del Porto Fluviale nel quartiere Piramide, che è uno dei più trafficati della città.

L’artista che ha seguito la realizzazione di tale opera è Iena Cruz, originario dell’Italia ma attualmente trasferito a Brooklyn.

Le sue opere più recenti, dislocate in tutto il mondo, risentono moltissimo del tema dei cambiamenti climatici, dei rischi derivanti l’inquinamento, e delle specie animali a rischio di estinzione. Secondo l’artista le opere d’arte devono raccontare delle azioni degli esseri umani e sulle loro ripercussioni sulla natura e il regno animale.

A tal proposito, anche il soggetto di Hunting Pollution è volto a fa riflettere sul tema dell’inquinamento: il murales, infatti, raffigura un airone, specie nota per essere in via di estinzione, in lotta per la sopravvivenza ed in procinto di catturare la sua preda in un mare, però inquinato…d’altro canto, è sempre l’airone, che rappresenta la natura, a “cacciare”, attraverso le eco-pitture, l’inquinamento in uno degli incroci simbolo dell’inquinamento urbano più trafficati e inquinati della capitale.

Lascia una risposta