HELP: il grido d’aiuto del pianeta

Da 23 Gennaio 2017Energia & Ambiente
HELP

L’uomo ha da sempre abbandonato bicchieri, bottiglie e altri oggetti di plastica nel mare: questo ha creato delle vere e proprie isole di plastica galleggianti negli Oceani Pacifico, Atlantico e Indiano che si estendono per sedici milioni di chilometri quadrati. Inoltre produciamo più immondizia di quella che possiamo smaltire. Si è venuto a creare un vero e proprio “Stato di plastica” riconosciuto come tale dall’Unesco nel 2013. Lo Stato ha ormai anche una capitale chiamata Garbandia, una costituzione e una bandiera.

L’installazione HELP inaugurata a Settembre 2016 che ha chiuso i battenti l’8 Gennaio 2017, è stata creata per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inquinamento causato dai rifiuti di plastica nei mari e negli oceani ed è composta da cinque milioni di tappi di plastica disposti su una superficie di un chilometro e mezzo.

L’artista Maria Cristina Finucci ha creato a Mozia, sull’isola siciliana di San Pantaleo, nello Stagnone di fronte a Marsala,  HELP l’ultima installazione del progetto Wasteland sul Garbage Patch State, lo stato costituito da rifiuti. Per realizzare HELP, l’età della plastica” l’artista ha assemblato oltre 5 milioni di tappi di plastica usati, racchiusi in gabbie di metallo, in modo che compongano la parola help, ovvero aiuto, con grandi lettere tridimensionali alte fino a 4 metri ciascuna per una estensione totale di circa 1.500 metri quadrati.

Il progetto Wasteland è stato ideato da Paola Pardini con l’artista Maria Cristina Finucci per sensibilizzare l’opinione pubblica su un problema così attuale e diffuso. Quando la Finucci ha visitato le rovine fenicie sull’isola di Mozia in Sicilia di circa duemila settecento anni fa, ha pensato che della nostra epoca sopravviverà soltanto la plastica. Vedere di giorno l’installazione HELP, vedere tutti quei tappi di plastica così assemblati è molto suggestivo, ma è di notte che il tutto diventa spettacolare. Ogni gabbia che va a comporre le lettere della parola Help è inoltre illuminata da luci a basso consumo energetico per uno spettacolo che ci farà restare senza fiato.

Lascia una risposta