Gli incendi in Amazzonia, una delle più grandi meraviglie ambientali del pianeta

I telegiornali di tutto il mondo, i social media, i capi di Stato al G7 di Biarritz parlano degli incendi in Amazzonia. Anche Papa Francesco nell’Angelus di domenica 25 agosto ha invitato a pregare perché il polmone verde del mondo smetta di bruciare: “Siamo tutti preoccupati per i vasti incendi che si sono sviluppati in Amazzonia. Preghiamo perché, con l’impegno di tutti, siano domati al più presto. Quel polmone di foreste è vitale per il nostro pianeta”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che i leader dei paesi del G7 riuniti a Biarritz in Francia sono vicini a raggiungere un accordo su come aiutare i paesi dell’America del Sud a spegnere gli incendi in corso in Amazzonia, e riparare ai danni fatti dal fuoco nella foresta pluviale più grande del mondo.

Il ministero della Difesa brasiliano ha detto che sono stati mobilitati 44mila militari per spegnere gli incendi nel nord dell’Amazzonia. Alcuni aerei da guerra sono stati predisposti per gettare acqua sulle zone incendiate della foresta.

L’Amazzonia ha una superficie totale di circa 5,5 milioni di chilometri quadrati: più del 60 per cento si trova in territorio brasiliano, ma la foresta cresce anche in Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana francese. La foresta amazzonica è uno degli ecosistemi più ricchi al mondo. Per la quantità di anidride carbonica che assorbe è considerata fondamentale per la lotta al cambiamento climatico. Inoltre ospita fino a 500 comunità indigene e circa 3 milioni di specie di animali e piante, molte delle quali non si trovano in altre parti del mondo.

Anche la popstar Madonna è intervenuta, sia su Twitter che su Instagram, rivolgendosi direttamente al presidente brasiliano: “I fuochi infuriano e l’Amazzonia continua a bruciare. Questa è una devastazione per il Brasile, per gli indigeni che vivono lì e le specie vegetali e animali che rendono questa l’Amazzonia, la più importante foresta della biodiversità!

Lascia una risposta