Etichette e Qualità

Da 22 Novembre 2017Eventi & Novità, Qualità
etichetta

La qualità della spesa alimentare è divenuta sempre più di prioritaria importanza per il consumatore.

Ciò si traduce in comportamenti di acquisto sempre più consapevoli, e meno superficiali: non ci si sofferma unicamente sui prezzi di acquisto o sulla validità e solidità dei marchi, indagando sempre più sulle specifiche, gli ingredienti e le materie prime.

E’ ormai divenuto sinonimo di cura per la persona e la propria salute acquistare ed assumere prodotti di qualità. Di grande aiuto risulta, pertanto, l’etichettatura dei prodotti.

Grazie all’etichetta, infatti, si hanno molteplici indizi circa il prodotto che possono definirne il livello di qualità.

Partendo degli ingredienti contenuti, questi consentono di individuare quelle che sono le materie prime, ma anche eventuali allergeni presenti. L’etichetta d’origine degli alimenti contenuti in un prodotto è, pertanto, sinonimo di sicurezza.

Anche la provenienza ha una elevata incidenza sulla qualità dei prodotti: vi sono paesi e nazioni, infatti, che rispettano meno i protocolli, quale ad esempio le normative igieniche.

L’iter per arrivare all’ indicazione d’origine di alcuni alimenti, come le carni, è stato lungo: e ha coinvolto la UE ha previsto l’etichettatura per la carne bovina nel 2000. Gli ultimi, in ordine di tempo, il latte e i suoi derivati, nel 2017. Dal prossimo febbraio le etichette di prodotti contenenti pasta e riso dovranno obbligatoriamente riportare il paese di origine, inteso sia come di coltivazione che di macinazione per il grano, mentre per il riso quello di coltivazione, lavorazione e confezionamento. Sempre coltivazione e trasformazione dovrà tracciare prodotti come sughi, conserve e pelati.
Un’indagine condotta da Coldiretti conferma che, per quanto riguarda la spesa alimentare che non è stata ancora etichettata con l’indicazione d’origine è pari a ¼ del totale e comprende cibi come carne di coniglio, carni trasformate, salumi, succhi di frutta, confetture e pane.

L’etichetta ci informa anche sulla scadenza dei prodotti, facendo dedurre quale è il possibile deterioramento di un prodotto e in quale lasso di tempo, come pure può fornire consigli su come conservare e/o utilizzare ottimamente il prodotto acquistato.

Lascia una risposta