Eolico: i sistemi di gestione per la sicurezza nell’accordo INAIL-ANEV

Da 14 febbraio 2016Salute & Sicurezza
Accordo ENAV INAIL

È stato siglato alla fine di gennaio, l’accordo di collaborazione tra INAIL e ANEV (Associazione Nazionale Energia del Vento), con l’obiettivo di promuovere al meglio la sicurezza in questo settore dai “rischi emergenti”.

Fra i punti dell’accordo tra INAIL e ANEV, tutelare maggiormente la sicurezza degli operatori che svolgono la loro attività nel settore, sperimentando buone pratiche attraverso la consulenza specialistica di INAIL.

Inoltre, in vista la elaborazione di Linee di Indirizzo per l’implementazione di un Sistema di Gestione per la Salute e la Sicurezza sul lavoro e lo studio e l’approfondimento sulla specificità dei rischi professionali nel parco eolico e dei rischi derivanti dall’utilizzo di macchine eoliche, con l’obiettivo di definire piani operativi e realizzare azioni e prodotti informativi da diffondere anche con l’organizzazione di workshop e seminari tematici ai fini dell’individuazione di misure prevenzionali volte a prevenire e ridurre gli effetti dei rischi stessi.

Il settore eolico è da anni al centro delle ricerche europee e internazionali, soprattutto relativamente al settore degli infortuni professionali: dai dati del 2014 emerge la presenza di 70.488 turbine eoliche onshore e 1.132 turbine offshore in tutta l’UE. Alla fine del 2012 il numero totale di turbine eoliche in tutto il mondo è stato di circa 225.000, distribuiti su 79 diversi Paesi.

Il Caithness Wind Farm Information Forum (Cwif) ha riportato che dal 1970 al 2014 gli incidenti sono stati 1.370, concentrati però soprattutto nell’ultimo quinquennio. Secondo INAIL tra il 2008 e il 2012 ogni anno si sono verificati in media 141 incidenti legati alle turbine eoliche; nei primi nove mesi del 2013 sono stati 112 mentre i casi mortali sono stati 144 già dagli anni ‘70: 87 vittime erano addetti alla costruzione e alla gestione delle turbine, mentre gli altri 57 casi hanno coinvolto persone non impiegate direttamente nella produzione di energia eolica.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta