Decreto del Fare: verso i nuovi decreti attuativi

Decreto del Fare

Del Decreto del Fare la Redazione del blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente ed alla Sicurezza se n’era già occupata in un paio d’occasioni e quest’oggi ritorniamo sull’argomento per condividere con l’affollata platea di lettori le ultimissime novità ed aggiornamenti.

A seguito dell’emanazione del Decreto del Fare (DL 21/06/2013, n. 69 convertito con L. n. 9/08/2013, n. 98) sono ancora molti i decreti attuativi attesi dal mondo del lavoro.

Nella lista dei decreti ministeriali attesi, i più importanti riguardano in particolare la documentazione di cantiere, per la quale si attendono i nuovi modelli semplificati per la redazione del Piano operativo di sicurezza(POS), del Piano di sicurezza e coordinamento (PSC) e del fascicolo dell’opera e per la redazione del Piano di Sicurezza Sostitutivo del piano di sicurezza e coordinamento (PSS).

Inoltre, si attende il nuovo decreto interministeriale che individuerà settori di attività a basso rischio di infortuni e malattie professionali, sulla base di criteri e parametri oggettivi, desunti dagli indici infortunistici dell’INAIL e relativi alle malattie professionali di settore e specifiche della singola azienda. Nel decreto ci sarà anche il modello con cui si potrà dimostrare l’effettuazione della valutazione del rischio.

Nei settori a basso rischio infortuni, il DL del Fare concede la possibilità aldatore di lavoro, in alternativa alla predisposizione del DUVRI, di nominare un proprio incaricato, in possesso di formazione, esperienza e competenza professionali adeguate e specifiche, nonché di periodico aggiornamento e di conoscenza diretta dell’ambiente di lavoro, per sovrintendere alla cooperazione e al coordinamento con altre imprese nello svolgimento di una determinata attività.

È invece vicina la pubblicazione del decreto “Palchi” (decreto del Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministro della Salute), che regolerà le attività di spettacoli musicali, manifestazioni fieristiche etc. a cui vengono applicate le disposizioni del Titolo IV del D.Lgs.n. 81/2008(Cantieri temporanei o mobili).

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente ed alla Sicurezza

Lascia una risposta