Dal 1 luglio DURC online

Da 22 agosto 2015Salute & Sicurezza
DURC online sicurezza

Sul sito web del Ministero del Lavoro è stata avviata una sezione speciale che riporta tutte le informazioni sugli obblighi documentali connessi al DURC online che dal 1 luglio diventa esclusivamente telematico.

Si chiude così un processo di semplificazione documentale introdotto dal Decreto ministeriale (Lavoro) del 30/01/2015. Previsti risparmi di oltre 100 milioni di Euro all’anno per le PP.AA. in quanto la verifica della regolarità delle imprese appaltatrici sarà possibile in tempi brevissimi: anche INPS, INAIL e Casse edili avranno risparmi sull’utilizzo del personale adibito alla verifica della regolarità contributiva, mentre le aziende perderanno meno tempo dietro le pratiche di rilascio e potranno agire senza intermediari.

Dal 1 luglio al via dunque la nuova procedura di DURC online che dovrebbe ridurre gli oneri amministrativi: in tempo reale sarà possibile ottenere una certificazione di regolarità contributiva che avrà una validità di 120 giorni e potrà essere utilizzata per ogni finalità richiesta dalla legge (erogazione di sovvenzioni, contributi ecc., nell’ambito delle procedure di appalto e nei lavori privati dell’edilizia, rilascio attestazione SOA)

Per carenze contributive, entro 72 ore verranno comunicate all’interessato le cause dell’irregolarità e saranno poi sufficienti pochissimi giorni per regolarizzare la propria posizione ed ottenere il certificato.

La semplificazione del DURC online è una di quelle previste dal Jobs Act (art.4): il Decreto legge 20 marzo 2014, n. 34 richiedeva infatti  che la verifica della regolarità in tempo reale riguardasse i pagamenti scaduti sino all’ultimo giorno del secondo mese antecedente a quello in cui la verifica viene effettuata, a condizione che sia scaduto anche il termine di presentazione delle relative denunce retributive e comprendesse anche le posizioni dei lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa anche a progetto che operano nell’impresa.

Continua a seguire il blog Uninform ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta