Certificazioni ambientali: vantaggi ed opportunità

Da 21 ottobre 2013Energia & Ambiente
certificazioni ambientali

Quella delle certificazioni, siano esse in materia ambientaleSicurezza e/o Qualità, rappresenta una delle realtà più dinamiche ed eterogenee registrate negli ultimi anni tanto che il mondo della certificazione di Qualità, Sicurezza e Ambiente non smette mai di rinnovarsi, e di aggiornare le proprie conoscenze e norme di settore. C’è infatti larga attesa per l’emanazione della revisione della norma ISO 9001 attraverso l’emissione di un “ISO Committee Draft” (ISO/CD) per consentire alle organizzazioni, ai loro clienti e alle parti interessate, di trarre un più concreto e durevole vantaggio dal Sistema di Gestione per la Qualità. Spostiamo, quindi sulle certificazioni ambientali.

Sul fronte ambientale, invece, è stato recentemente pubblicato il nuovo piano di pubblicazione della nuova ISO 14001 sui sistemi di gestione ambientale, un calendario che rimanda al Giugno 2014 la pubblicazione della nuova ISO di competenza del sottocomitato tecnico ISO/TC 207 SC1. Il Testo provvisorio della nuova ISO 14001, pubblicato nel marzo 2013 ha suscitato parecchi commenti da parte dei comitati nazionali, sia nella forma che nei contenuti, e si attende per questo una nuova revisione.

I dati diffusi annualmente dall’ISO Survey (aggiornati al 2012) testimoniano un nuovo aumento delle certificazioni ambientali in Italia, passate dalle 17.418 del 2011 alle 19.705 del 2012, ponendoci così al primo posto nel numero di certificazioni ambientali in Europa, seguiti a ruota da Spagna (19470 nel 2012) e Regno Unito (15.884). Ciò a testimonianza della presenza di un mercato delle certificazioni ancora fiorente e dell’interesse delle nostre aziende nello sviluppare attività di RSI (Responsabilità Sociale d’Impresa) attraverso certificazioni ISO 14001 ed EMAS, che garantiscono anche dei ritorni economici tangibili e delle agevolazioni per l’impresa aderente, in termini di semplificazioni nei controlli e  accesso adagevolazioni fiscali. Nel 2012, infatti il Ministero dell’Ambiente ha messo a disposizione un fondo pari a 2,5 milioni di euro per le PMI che optano dicertificare gestione e prestazioni ambientali, attraverso il decreto n. 313 del 26/04/2012Promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale nelle piccole e medie imprese. Procedura per la concessione di contributi ai sensi dalla Delibera CIPE n. 63”.

Numerose e frequenti sono poi le iniziative regionali volte alla promozione dei sistemi di certificazione ambientale a livello locale. C’è infatti grande attenzione per i sistemi di gestione ambientali, sempre più considerati come un utile strumento per il coordinamento coerente ed efficace delle diverse funzioni ambientali all’interno di una azienda e per la comunicazione delle proprie performance aziendali.

In un mercato così sviluppato ed in continuo aggiornamento alla luce dellenuove disposizioni europee in tema di emissioni, rifiuti e acque (cui il nostro Stato sta cercando di adeguarsi con la recente Legge europea e di Delegazione europea), il ruolo del Professionista dei sistemi di gestione ambientale assume importanza centrale. Il Professionista deve avere un ruolo spiccatamente operativo, deve conoscere la normativa ambientale, verificarne le sue continue evoluzioni, ed occuparsi in particolare di ciò che attiene la gestione dei rifiuti e la normativa su emissioni ed inquinamento ambientale, in generale.

Inoltre, alla luce della diffusione di diversi sistemi di gestione di qualità, ambiente e sicurezza ed energia, il professionista deve conoscere tutti questi sistemi, intuire la loro integrazione, progettarla, svilupparla e monitorarla, promuovendo il miglioramento continuo dell’organizzazione.

Nel caso dei sistemi di certificazione ambiente, in particolare, è necessaria una formazione altamente qualificata che fornisca il quadro generale dellanormativa di settore, ed allo stesso tempo chiarisca l’interazione necessaria con gli altri sistemi di gestione.

Il Master Quality® Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale Qualità – Ambiente – Energia – Sicurezza, patrocinato dal GSE S.p.A. Gestore dei Servizi Energetici e giunto alla 54ma edizione, risponde pienamente a questa esigenza, indicando le linee direttrici della difficile normativa ambientale, svolte con la serietà e esperienza necessarie per affrontare queste importanti tematiche.

Allo stesso tempo, il Master Quality® Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale Qualità – Ambiente – Energia – Sicurezza segue da vicino l’evoluzione del mercato delle certificazioni sicurezza qualità e ambiente, fornendo una formazione a 360 gradi sui sistemi di gestione, sulla loro applicazione in azienda e sull’integrazione fra i diversi tipi di qualificazione ISO. Il Master forma diverse figure di professionista ambientale: l’Auditor Ambientale che tiene sotto controllo il sistema di gestione, l’Eco Manager, responsabile delle strategie ambientali, all’interno dell’azienda, l’Esperto di impatto ambientale che deve compiere studi approfonditi sugli ecosistemi e deve formulare unavalutazione della compatibilità tra progetto ed ambiente.

Attraverso un percorso d’aula di 2 Mesi, in partenza dal 21 ottobre al 17 dicembre 2013, il Master Quality® Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale Qualità – Ambiente – Energia – Sicurezza si conferma come la sede più qualificata per addestrare i Professionisti della certificazione a rispondere alle esigenze di certificazione, sempre più complesse e differenziate, che provengono dal mondo aziendale.

Il Master Quality® Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale Qualità – Ambiente – Energia – Sicurezza prevede l’inserimento degli allievi in un contesto sempre più operativo che passa dall’acquisizione di una serie di nozioni di base sulle funzioni aziendali, all’applicazione degli strumenti di gestione appresi attraverso anche un’analisi di casi aziendali significativi, attraverso lo sviluppo di un project-work e diverse possibilità di stage in azienda, a seguito del percorso di studio intrapreso.

Continua a seguire il blog Uninform ANGQ dedicato alla Qualità, allaSicurezza ed all’Ambiente

Lascia una risposta