Campi elettromagnetici: una guida UE per l’adeguamento alla direttiva europea

Da 11 febbraio 2016Salute & Sicurezza
Campi Elettromagnetici

È stata pubblicata in italiano la Guida della Commissione europea, all’applicazione della direttiva 2013/35/UE in materia di campi elettromagnetici e prescrizioni di sicurezza.

La guida si intitola “Non-binding guide to good practice for implementing Directive 2013/35/EU Electromagnetic Fields” ed era stata pubblicata in novembre sule pagine della Commissione europea, ed ora finalmente tradotta e pubblicata sul sito del Portale Agenti fisici e disponibile al seguente link.

Si compone di due volumi e di una guida specifica per le PMI ed è di supporto ai datori di lavoro di PMI che vogliano adeguarsi alla direttiva 2013/35/UE che stabilisce i requisiti minimi di sicurezza relativi all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dai campi elettromagnetici (EMF). Sarà utile anche ai lavoratori, ai rappresentanti dei lavoratori e alle autorità di regolamentazione degli Stati membri per capire come uniformarsi alle previsioni europee.

Ricordiamo che la Direttiva 2013/35/UE è la ventesima direttiva particolare che, (ai sensi dell’articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 89/391/CEE), stabilisce prescrizioni minime di protezione dei lavoratori contro questi rischi e riguarda tutti gli effetti biofisici diretti e gli effetti indiretti noti, provocati dai campi elettromagnetici; contiene riferimenti a valori limite di esposizione (VLE) che riguardano soltanto le relazioni scientificamente accertate tra effetti biofisici diretti a breve termine ed esposizione ai campi elettromagnetici. Non riguarda i rischi derivanti dal contatto con conduttori sotto tensione.

Gli Stati membri dovranno conformarsi alle sue disposizioni entro il 1 luglio 2016.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta