Cambiano i sistemi gestione qualità: verso la nuova ISO 9001

Da 2 aprile 2015Qualità
DURC online sicurezza

L’UNI conferma che a settembre sarà disponibile la bozza finale della nuova ISO 9001, sui sistemi di Gestione della Qualità. Il testo è stato discusso a Vilnius in Lituania, e grazie alla valutazione fornita dai Paesi membri, sono stati introdotti miglioramenti a un testo sostanzialmente diverso da quello conosciuto finora e risalente al 2008.

UNI riporta una lunga intervista a Nicola Gigante, responsabile della delegazione italiana presso il working group internazionale dell’ISO/TC 176, che rivelato come fra i nodi principali risolti c’è stato quello della applicabilità, eliminando tutta quella serie di formule fuorvianti tipo ‘se applicabile’ o ‘ove applicabile’ che certo finora non ha contribuito a rendere la norma più chiara”. Inoltre, a livello terminologico è stato compiuto un lavoro di analisi e adattamento che consentirà di pubblicare la traduzione italiana della ISO 9001 in maniera pressoché contestuale alla pubblicazione della norma in lingua inglese.

Sempre centrale il concetto di rischio e il ruolo fondamentale della gestione per processi, il cui ruolo “viene non solo confermato ma anche enfatizzato nei suoi aspetti applicativi, dal PDCA (Plan-Do-Check-Act, n.d.r.) che è un metodo di gestione per il controllo e il miglioramento continuo dei processi e dei prodotti e dal “risk based thinking”, che è un approccio mentale fondamentale. Quando le organizzazioni saranno riuscite a interiorizzare questi capisaldi, allora ci saranno pienamente le condizioni culturali e organizzative per implementare efficacemente un sistema di gestione per la qualità secondo la norma ISO 9001″, spiega Gigante.

Il responsabile rivela anche che si è pensato all’elaborazione di uno standard vero e proprio – la ISO 9002 – e  di realizzare un libro, edito dall’ISO. E quanto ai tempi di applicazione, Gigante ha anche affermato che “per il passaggio dalla vecchia alla nuova edizione è previsto un periodo di transizione di 36 mesi, con una gradualità precisa, disciplinata attraverso le guide pubblicate già da tempo dallo IAF (International Accreditation Forum, n.d.r.). Viene tuttavia caldamente raccomandato agli organismi di certificazione di occuparsi immediatamente del passaggio alla nuova norma, quindi di non attendere i tre anni di transizione e tantomeno la pubblicazione ufficiale della norma, ma di partire quanto prima in modo che le organizzazioni prendano immediatamente coscienza delle novità previste dalla nuova edizione 2015″.

L’importanza riservata ai sistemi di gestione qualità è dunque innegabilmente sentita a livello internazionale, tanto più se pensiamo che a distanza di sette anni si è pensato ad un suo miglioramento e ad una sua maggiore applicabilità non solo a livello nazionale, ma internazionale.

Ecco quindi che risulta sempre più importante per chi si affaccia nel mondo delle certificazioni, conoscere questo strumento principe dell’organizzazione aziendale, ed ora in fase di evoluzione.

Il Master Quality di Uninform Group, ente di formazione con esperienza quindicennale accreditato alla Regione Lazio, è forse il luogo più adatto per approfondire professionalmente i meccanismi dei sistemi di gestione qualità, sicurezza, ambiente ed energia. Sono aperte le iscrizioni al nuovo corso di Alta Formazione dal 20 maggio: il corso si propone due mesi d’aula fino al 24 luglio e uno stage di sei mesi garantito da settembre 2015 in Qualità, Ambiente, Sicurezza e Marketing.

I numeri del Master Quality parlano da soli: 2122 i Diplomati Master Quality ad oggi, 3 Borse di studio parziali e finanziamenti da alcune Regioni, 9 gli Attestati di Riconoscimento Professionale.

Ma è l’attenzione alla formazione qualificata e professionale il punto di forza del Mater Quality: un programma approfondito sulla evoluzione dei sistemi di gestione, oltre che sulla loro applicabilità concreta, così da restare al passo delle evoluzioni normative internazionali.

Il settore della Qualità, Sicurezza e Ambiente e la figura dell’Esperto/addetto/consulente in materia di certificazione ISO è sempre più richiesta ma deve stare al passo coi tempi: il Master Quality si assume il compito di fornire  una chiara visione della struttura generale delle norme per impostare correttamente un Sistema di Gestione, tenendo conto di tutti gli aspetti culturali e metodologici che influenzano il risultato finale. E lo fa attraverso una approfondita fase d’Aula che si pregia di docenti qualificati ed esperti, che seguono da vicino i cambiamenti del mercato e delle norme stesse, docenti competenti con forte esperienza nei settori di riferimenti che li rendono figure formative qualificate e indispensabili per una completa formazione.

I moduli didattici in aula riguardano fra l’altro, l’Impresa ed il suo sistema organizzativo, Marketing e carte dei servizi, i sistemi di gestione delle risorse umane, Career coaching – come presentarsi ad una azienda e i diversi Sistemi di Gestione: quello della Qualità, di più recente mutazione, quello Ambientale e dell’Energia e i Sistemi di gestione della Sicurezza, oltre alla Responsabilità giuridica di enti e dipendenti.

Numerosi gli Attestati riconosciuti: in particolare, per il settore qualità, il Master premette di ottenere l’Attestato Master Quality ®, con il riconoscimento della qualifica di Manager ConsultantConsulente di Direzione progettista, sistemista e valutatore dei Sistemi di Gestione Qualità, Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale e l’Attestato progettista e valutatore sistemi qualità.

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta