Cambiamenti climatici: l’oceano Atlantico mai così caldo

oceano

L’ultimo decennio è stato il più caldo per l’oceano Atlantico settentrionale degli ultimi 2.900 anni.

Un rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi mostra come il cambiamento climatico sia il principale responsabile del raddoppio dei disastri naturali nel mondo in vent’anni. “Il riscaldamento climatico degli ultimi 150 anni sta modificando in modo sostanziale il pianeta. Quest’ultimo è il periodo più caldo mai registrato prima, in un arco temporale così lungo, di ben 3.000 anni” osserva il fisico Massimiliano Pasqui del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR), commentando lo studio sull’oceano Atlantico del Nord.

La variabilità del Nord Atlantico è molto lenta e dura parecchi anni, con oscillazioni che possono andare dai 10 ai 40 anni, determinando periodi di siccità o piovosità con ripercussioni su Nord America, Europa e tutta la Russia. I ricercatori hanno confermato non solo “che queste oscillazioni delle temperature atlantiche durano da almeno 3.000 anni, e quindi sono una caratteristica fondamentale del pianeta – prosegue Pasqui – ma anche che quest’ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato in un arco temporale così ampio”.

 

Cosa accadrà in futuro?

 

Questi dati indicano anche come sarà il cambiamento climatico futuro, “con un aumento del caldo estivo e della siccità invernale”. Gli effetti sono già ben visibili, come evidenzia il rapporto dell’Unsdir: dal 2000 sono state registrate 7.348 calamità naturali (per un costo stimato in quasi 3mila miliardi di dollari) che hanno ucciso più di 1,2 milioni di persone.

Altri dati sui cambiamenti climatici che interessano il nostro pianeta arrivano dall’ultimo bollettino di Copernicus Climate Change service, dal quale emerge che il mese di settembre 2020 è stato da record. In Europa le temperature medie del mese di settembre hanno superato di circa 0,2 gradi il precedente settembre più caldo del 2018 e sono state di circa 1,8 gradi sopra la media 1981-2010.

Lascia una risposta