Novità dall’Europa per la bioplastica

Da 25 Gennaio 2019Energia & Ambiente
Bioplastica

La commissione Ambiente dell’Europarlamento ha dato ieri l’ok all’ accordo raggiunto lo scorso dicembre tra Parlamento e Consiglio Ue sulle plastiche monouso, che prevede anche la messa al bando per alcuni prodotti in plastica usa e getta a partire dal 2021, una raccolta differenziata al 90% per le bottiglie di plastica al 2029, un minimo del 25% di plastica riciclata nelle bottiglie al 2025.

Il presidente di Assobioplastiche riferisce: «Gli Stati membri tutti gli strumenti per recepire le norme della direttiva Sup tenendo conto dei singoli contesti nazionali e dei relativi sistemi di gestione dei rifiuti, differenziando le misure di riduzione in base al diverso impatto ambientale dei singoli prodotti, come espressamente previsto dalla direttiva (Lca ed assessment)». Del resto, secondo l’Associazione italiana delle bioplastiche, nel testo della direttiva «è stata tracciata una netta linea di demarcazione tra plastiche tradizionali, plastiche oxo degradabili – che vengono messe al bando nel territorio europeo in quanto non biodegradabili e compostabili – e plastiche biodegradabili (in compostaggio/digestione anaerobica)».

C’è invece comprensibilmente meno entusiasmo da parte del Gruppo produttori stoviglie monouso lamenta, invece, una scarsa chiarezza tra quelli che sono i prodotti leciti (in bioplastica) e non (quelli in plastica tradizionale) dal momento che entrambi i materiali risultano sotto accusa.

E in attesa che la direttiva Sup venga definitivamente adottata Pro.mo guarda con interesse a una legge dello Stato che già c’è, ovvero quella di Bilancio (comma 802), che prevede da un lato la crescita, opportunamente controllata, del riciclo delle stoviglie in plastica tradizionale, e dall’altro il progressivo inserimento, da subito, di prodotti in bioplastica di cui parimenti si verifichi oggettivamente la sostenibilità. Fino a giungere, per il 2023, a plastiche da fonte non fossile, invece di quelle tradizionali.

Lascia una risposta