Bando FIPIT, 30 milioni per le PMI che investono in innovazione

Da 2 ottobre 2014Salute & Sicurezza
bando fipit

Quest’oggi il blog Uninform – ANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza desidera condividere con l’affollata platea di lettori le ultimissime novità in tema di contributi dedicati alle PMI in tema di innovazione tecnologica grazie al Bando FIPIT.

In Gazzetta n.165 del 18-7-2014 è stato pubblicato il Bando INAIL denominato, FIPIT che stanzia 30 milioni di euro per le PMI che intendano realizzare progetti di innovazione tecnologica per impianti, macchinari e attrezzature finalizzati al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro nei settori edile, agricolo e di estrazione e lavorazione dei materiali lapidei.

Si tratta dei comparti dove più alto è il rischio infortunistico e si prevedono contributi minimi di mille euro per il sostegno di interventi anche di modesta entità.

Il contributo sarà erogato fino a una misura massima corrispondente al 65% dei costi sostenuti e documentati per la realizzazione del progetto. I progetti dovranno riguardare i rischi più diffusi nei tre settori sopra riportati, quindi si parla di utilizzo di trattori agricoli o forestali nel settore agricolo, movimentazione manuale dei carichi e/o di caduta dall’alto nei cantieri temporanei e mobili nel settore dell’edilizia ed esposizione a rumore e/o a polveri e alla movimentazione manuale dei carichi nel settore di estrazione e lavorazione dei materiali lapidei.

Le domande potranno essere inviate per via telematica con successiva conferma tramite posta elettronica certificata, come specificato nei Bandi regionali/provinciali. A disposizione il Contact Center e un numero per chi chiama da cellulare (numero verde 803.164, gratuito da rete fissa), mentre per le chiamate da cellulare è disponibile il numero 06 164164 (a pagamento in base al piano tariffario del proprio gestore telefonico).

Continua a seguire il blog UninformANGQ dedicato alla Qualità, all’Ambiente, all’Energia ed alla Sicurezza

Lascia una risposta